LE MIE OPERE

Lo pseudonimo che ho scelto riassume il senso della mia ricerca: Liber in latino vuol dire sia libero che libro, così come Liber nel mio dialetto vuol dire libro.

Alla base del mio lavoro c’è quindi l’idea di liberare i libri e la carta dal ruolo imposto di strumenti di comunicazione trasformandoli in oggetti della comunicazione, lasciando che sia la mia immaginazione a confezionare per essi una nuova identità.

Il mio intento è quello di mostrare un’alternativa: è possibile elevare i libri al rango di sculture e dipinti nobilitando i materiali industriali di cui sono composti. La sfida entusiasmante è ridare dignità e senso a ciò che è normalmente considerato rifiuto, riappropriandomi degli scarti dei processi produttivi e valorizzando il libro nelle sue forme, nei suoi formati e nelle sue componenti, in infinite combinazioni di colori e significati. Ho cominciato a contaminare e combinare volumi di vario tipo e refili di carta con materiali quali colla, cera e colori aggiungendo di volta in volta differenti tecniche di taglio, fresatura e bruciatura, gettando le basi di quello che oggi è diventato il mio linguaggio artistico, sempre in divenire.

Immersioni

Immersioni

Pitture

Pitture

Sculture

Sculture